Fenomenologia della cicogna nelle serie TV-quando il figlio non arriva – parte II

Fenomenologia della cicogna nelle serie TV-quando il figlio non arriva – parte II

imageMaster of Sex

Il Dottor William Masters (a cui dobbiamo assieme alla Psicologa Virginia Johnson buona parte dei moderni studi sulla fisiologia umana durante il sesso), ginecologo di fama, non può avere figli. Che siano stati i suoi problemi a spingerlo verso le sue ricerche? Di fatto la moglie Libby (o meglio la prima moglie per chi conosce la storia e non la serie…) porta a termine due gravidanze proprio grazie al suo metodo di inseminazione artificiale. Quando si dice chi fa da se’…

Private Practice
Addison Montgomery, ginecologa, non può avere figli. Aridanghete… Dall’insuccesso dell’inseminazione al successo dell’amore: sposerà l’aitante collega che l’ha accompagnata in questo percorso e adotterà un bambino. La vita ti toglie, la vita ti dà.

Read more

Collaborazioni, Serie tv Brothersandsisters, concepimento, F.R.I.E.N.D.S., Fivet, Gravidanza surrogata, infertilità, Inseminazione artificiale, inviTRA, Masters of Sex, , Private Practice, , Utero in affitto 2 Comments
Fenomenologia della cicogna nelle serie tv- quando il figlio non arriva – parte I

Fenomenologia della cicogna nelle serie tv- quando il figlio non arriva – parte I

imageSex and The City
Charlotte, che non riesce a rimanere incinta, non si sa se è più delusa quando apprende la notizia della gravidanza di Miranda, o della sua cagnolina Elizabeth Taylor dopo una fugace passione consumata al parco. Solo dopo aver adottato una bimba cinese, quando aveva ormai abbandonato le speranze, scoprirà di essere incinta. Chi la dura la vince.

Mistresses
Savannah e Harry cercano di avere un figlio sperimentando con fantasia, ma non c’è travestimento che tenga. Poi un giorno una discussione, e lei lo tradisce con Dominic, suo aitante collega avvocato di colore… Scommettiamo che… il pargolo sarà in una delle 50 sfumature di cioccolato?

Grey’s Anatomy
Meredith, voce narrante, finalmente moglie di Derek – e con un degno curriculum tra i tira e molla dei due, di cui ricordiamo il veterinario Finn e il Dottor Bollore – non riesce a rimanere incinta. Eh, dopo Derek, mica poteva avere tutte le fortune?!

Read more

Serie tv adozione, fertilità, gravidanza, Grey's Anatomy, , Mistresses, Parenthood, , Sex and the City Leave a comment

Fenomenologia della cicogna nelle serie tv – maternita’ e lavoro

image

[Attenzione questo post potrebbe contenere spoiler]

The Goodwife 

Marylin Garbanza, a capo della commissione Etica, incinta di padre che vuole tenere nel mistero (però il figlio, per non creare equivoci s’intende, lo chiamerà Peter…) porta con orgoglio la sua gravidanza sul lavoro: vomita in ufficio, vomita in casa di Alicia, vomita nei bagni e sui tappeti… Ma in America non esiste l’astensione anticipata?

Sex and the City

Read more

Serie tv Desperate Housewives, gravidanza a rischio, lavoro, , Parenthood, , Sex and the City, The Good Wife Leave a comment

Fenomenologia della cicogna nelle serie tv – l’allattamento

F.R.I.E.N.D.S – allattamento e luoghi comuni

Rachel ha appena partorito la piccola Emma, ma Emma non si riesce ad attaccare. L’infermiera esorta gentilmente a riprovare. Ma Rachel si domanda “Sarà per via dei miei capezzoli, troppo grossi per la sua bocca?“. Che dire, potevano lasciare rispondere Joy li’ presente…

The Good Wife – a lavoro dopo il parto

Read more

Pillole di buonanotte #10 – Datemi una tachipirina

image*Attenzione: questo post potrebbe contenere spoiler
Sto diventando monotematica. Lo so. Certo potrei parlare di questa cosa di Amber che è incinta, e vabbe’ che è giovane, ma è successo in un modo così rocambolesco, consumato su un lettino d’ospedale mentre la di lui gamba era ingessata e in sospensione. Ok Parenthood, va bene che sei pittoresco, ma che davvero davvero?! Invece l’argomento principale dei miei post e’ inevitabile sia la nanna. Perché l’Inquilina, nella sua fase di addormentamento, e’ sempre fonte di ispirazione. O forse perché mi resta giusto la notte per scrivere. Il trend del momento vuole che venga cullata in piedi, dall’alto dei suoi 7+n kg, in una sorta di danza Masai al ritmo di una melodia d’origini sicuramente indiane, che fa così “Uuuuuuuuuuuh – Uh!”. E lei li’, a perdersi nel sonno, col suo sguardo delle sette miglia per dirla alla Tracy Hogg e il dito in bocca. Salvo l’aver quel male alla schiena che si è piazzato proprio li’, in mezzo a due vertebre, a ricordarmi d’aver compiuto 35 anni tanti auguri a me!, e che forse sarebbe consigliato non attendere troppo per avere un altro pargolo, che altrimenti a prenderlo in braccio poi non gna ‘a fo’. Perché mi ritroverei come questa sera, dopo la danza Masai, a desiderare ardentemente una tachipirina. E allora si’, datemi una tachipirina, che forse non solleverò il mondo, ma l’Inquilina almeno si’!