Volevo essere Gisele, si’. Ma non per la bellezza (oddio, diciamola tutta, non solo) ma per quella disinvoltura nel portare. Innata direi. Guardatela, con una mano a guidare il quad e con l’altra a tenere il bimbo nel meitai. Perché non so se avete mai provato a guidare un quad – io si’ e mi sono gasata un bel po’ – ma entusiasmo a parte, da manovrare è parecchio pesante. Così quando vedi un’immagine del genere ti dici  che si’, sarà stupendo tenere addosso il tuo piccino, e anche facile, per non parlare dell’importanza del contatto madre-figlio.

Mi sono convinta che avrei portato la mia di “piccina” da subito, e ho scelto in regalo una fascia lunga, perché cosa mai ci vorrà a legarsela addosso? Forse avrebbe dovuto farmi riflettere il fatto che esistono dei corsi sul portare. Forse avrei dovuto considerare che, in pieno agosto, fare una legatura a ranocchio non aiuta poi tanto la traspirazione. Forse avrei dovuto pensare che non ho gli addominali di Gisele e che dopo un cesareo non sarei riuscita a portare in maniera “indolore” una figliola alla nascita di oltre 4 kg…
Forse il prossimo, sempre che non nasca carrozzato come l’Inquilina, sempre che non arrivi in piena estate. Anche solo per il gusto di mettere a punto una di quelle legatura, che a furia di guardare tutorial, ho imparato a fare in tempi record.
Comunque non mi sono arresa: non sarò Gisele, ma rimarginata la ferita, ho risolto con un marsupio ergonomico. Certo, non farò mai passeggiate chilometriche con l’Inquilina addosso – no, il peso di una signora, come l’età, non si dice – non guiderò un quad o mi avventurerò percorsi di trekking (magari lo lasciamo fare a Daddyinprogress). Ma almeno riesco a farci la spesa al supermercato o posso portarla quando diventa allergica al passeggino, senza doverla prendere in braccio e lanciarmi in improbabili slalom tra guida del mezzo con una sola mano, Inquilina sull’altra e marciapiedi unfriendly.
Avrei voluto raccontare una romantica esperienza del portare, ma ahimè a volte bisogna riconoscere e accettare i propri limiti… E io volevo essere, ma non sono Gisele.

Questo post partecipa al blogstorming.

 

Tagged with: Babywearing • • Fascia • Marsupio • • Portare
 

2 Responses to Volevo essere Gisele

  1. TheSwingingMom scrive:

    ahh ho scritto un post qualche giorno fa http://theswingingmom.com/marsupio-cosa-come-perche/
    e tra le altre cose anche io lamentavo la mia totale incapacità e non-disinvoltura nel portare. Mi accontento del mio ergobaby, ma invidia a pacchi!

    Rispondi

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: